Shin Ki Tai

PROTOCOLLO DI SICUREZZA – SHIN KI TAI ASD

Protocollo attuativo contenente norme di dettaglio per tutelare la salute degli atleti, degli istruttori e di tutti coloro che, a qualunque titolo, nell’ambito di Shin Ki Tai asd, frequentano i siti destinati dall’Associazione stessa allo svolgimento, a partire dal 25 maggio 2020, dell’attività sportiva di base e dell’attività motoria in genere. 

Il seguente Protocollo è stato elaborato sulla base di quando disposto, per l’attività sportiva di base, da: 

Le singole discipline praticate a Shin Ki Tai seguono anche i rispettivi protocolli federali pubblicati sul sito del CONI.

NUOVA ORGANIZZAZIONE DI SHIN KI TAI ASD

Shin Ki Tai asd si impegna a contrastare la diffusione del Covid-19 adottando una nuova organizzazione delle attività e degli spazi per i propri Associati, chiedendo al contempo agli Associati stessi il rispetto delle regole stabilite ai fini della sicurezza generale.

La Shin Ki Tai asd:

  1. Ha predisposto una adeguata informazione per i soci e gli istruttori su tutte le misure di prevenzione da adottare: comunicazione on line (sito internet), via cellulare-WhatsApp, newsletter e tramite affissioni nello spazio interno.
  2. Ha redatto un programma delle attività pianificato, con utilizzo di App SportClubby dedicata per la prenotazione, per regolamentare gli accessi in modo da evitare condizioni di assembramento e aggregazioni (le lezioni sono a numero chiuso); l’elenco delle presenze è mantenuto dai singoli istruttori con l’appello e attraverso monitoraggio app, per i rispettivi corsi, per un periodo di 14 giorni. 
  3. Ha predisposto la compilazione dell’Autodichiarazione dello stato di salute previa lettura della relativa informativa, presente anche sul sito e comunicata tramite messaggio WhatsApp cellulare a tutti i Soci.
  4. Ha suddiviso le scale d’ingresso in due corsie (salita, discesa) con obbligo di mantenere la distanza di sicurezza, per regolamentare i flussi di persone.
  5. Potrà rilevare la temperatura corporea, tramite termoscanner, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C. 
  6. Ha temporaneamente sospeso in palestra l’utilizzo degli spogliatoi e delle docce, in attesa di una nuova organizzazione degli spazi che possa assicurare le distanze di almeno 1 metro, ad esempio prevedendo postazioni d’uso alternate o separate da apposite barriere. L’accesso agli spogliatoi è consentito una persona alla volta per l’utilizzo dei servizi igienici, con obbligo di disinfezione (con prodotti messi a disposizione dalla palestra) prima e dopo l’utilizzo.
  7. Ha disposto che chi partecipa alle lezioni dovrà venire con indosso la mascherina (che potrà togliere solo durante l’attività fisica), già cambiato per l’attività e portare gli effetti personali in una borsa o zainetto. Vietato lo scambio di bottiglie d’acqua, asciugamani, cellulari e altri oggetti personali, anche durante le attività all’aperto. 
  8. Ha regolamentato i flussi, gli spazi di attesa, l’accesso alle diverse aree della palestra, anche delimitando le zone, al fine di garantire la distanza di sicurezza: o almeno 1 metro per le persone mentre non svolgono attività fisica, o almeno 2 metri durante l’attività fisica, con particolare attenzione a quella intensa. 
  9. Ha dotato la struttura al chiuso di dispenser con soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani dei frequentatori/clienti/ospiti in punti ben visibili, prevedendo l’obbligo dell’igiene delle mani all’ingresso e in uscita. Per le attività all’aperto è stabilito l’obbligo di portare con sé gel disinfettante personale, utilizzandolo prima e dopo la lezione.
  10. Ha messo a disposizione dei Soci mascherine e guanti monouso per chi ne fosse sprovvisto.
  11. Garantisce la frequente pulizia e disinfezione dell’ambiente interno, coinvolgendo gli stessi Associati, anche più volte al giorno ad esempio tra un turno di accesso e l’altro, e comunque la disinfezione a fine giornata. 
  12. Ha raccomandato ai Soci partecipanti alle lezioni l’utilizzo della mascherina per le operazioni di pulizia.
  13. Per mantenere adeguati ricambi e qualità dell’aria indoor è garantita periodicamente l’aerazione naturale nell’arco della giornata in tutti gli ambienti dotati di aperture verso l’esterno, evitando correnti d’aria o freddo/caldo eccessivo durante il ricambio naturale dell’aria. Al termine di ogni lezione, l’Istruttore presente provvede a spalancare tutte le finestre del locale di allenamento (Dojo) e a richiuderle quando sono usciti tutti dalla palestra. Per quanto riguarda gli ambienti di collegamento fra i vari locali dell’edificio (ad esempio corridoi, zone di transito o attesa), viene posta particolare attenzione al fine di evitare lo stazionamento e l’assembramento di persone, adottando misure organizzative affinché gli stessi ambienti siano impegnati solo per il transito o pause di breve durata.
  14. Ha raccomandato agli atleti massima puntualità alle lezioni e di non sostare in palestra dopo le ultime operazioni di pulizia, se non per raccogliere i propri effetti personali, per evitare assembramenti.